Sicilia SiCura

La Sicilia avrà la sua app per la «Fase 3».
Denominata «SiciliaSiCura», sarà disponibile già da oggi, venerdì 5 giugno, all’indirizzo siciliasicura.costruiresalute.it. A differenza della sua omologa sarda, tuttavia, non disporrà di funzioni di contact tracing sul modello di Immuni, ma si limiterà ad agevolare i cittadini – turisti in primis – a entrare in contatto con le strutture sanitarie regionali. «Un sistema discreto e invisibile, ma che è pronto a intervenire in caso di necessità», lo ha definito il governatore Nello Musumeci.

Come funzionerà?
Del tutto facoltativa, SiciliaSiCura sarà il fulcro del Protocollo di sicurezza istituito dalla Regione per tenere sotto controllo i contagi all’interno dell’isola. Due le principali funzioni: consentire agli utenti di trasmettere il proprio stato di salute fino a due volte al giorno e inviare loro notifiche quotidiane per ricordare di contattare il sistema sanitario regionale in caso di malessere. Ciò sarà possibile chiamando il numero verde 800/458787 oppure utilizzando le funzionalità già integrate nella web app. Ogni segnalazione giungerà alla centrale Uscat (Unità sanitaria di continuità territoriale turistica) più vicina e i casi sospetti di Covid-19 verranno presi in carico dalle Aziende Sanitarie Provinciali competenti. Per questo verrà richiesto di attivare la geolocalizzazione. A fungere da «centrale operativa» per la gestione della telemedicina sarà invece l’Irccs Bonino Pulejo di Messina.
Come riportato nelle condizioni d’uso, i dati personali rimarranno disponibili fino a «16 giorni dopo la data di partenza dal territorio della Regione Siciliana», ma l’utente potrà comunque eliminarli in qualsiasi momento attraverso la funzione «Richiedi Cancellazione dal Servizio e rimozione dati».
Come si può notare, SiciliaSiCura non prevede funzioni già incluse in Immuni, rappresentandone dunque una possibile integrazione esterna a tutela della sicurezza di tutti.

Fonte: Corriere della Sera